Igor Sibaldi, la specie nuova